Bacco e Arianna

Bacco e Arianna è un ristorante elegante di cucina italiana a carattere innovativo con servizio veloce e attento e un prezzo tra 40 e 60€. Valutazione: ottimo (4/5).

(review di www.oliopepesale.com - hReview v0.3)

cucina

Cucina mediterranea di impronta creativa.
giardino e pergolato

chef

Giacomo Leporati e Gianni Musso

cantina

n/a Sommelier: n/a

ambiente

Classico ed elegante.

Il ristorante conta 50 coperti all'interno, sì all'aperto; prenotazione consigliabile; aria condizionata: sì; insonorizzazione buona; parcheggio pubblico comodo.

Mise en table:

gestione

Locale fondato nel nr. Gestione di Leporati, Musso e Meregalli (Carpe Diem Snc Di Leporati G. e C.) dal 1996.

Carte di credito: POS / bancomat: sì; CartaSì / VISA / Mastercard: sì; Amex: sì; Diners: sì

Sconti:

dove

Bacco e Arianna si trova in Via Circonvallazione 1 ,  20090  Trezzano sul Naviglio  (MI),  Italia MM 
telefono:  work +390248403895fax +390248403895

coordinate x = 45,4196644, y = 9,0740364 - puoi muovere la mappa tenendo schiacciato il tasto sinistro del mouse, usare i commandi di zoom e streetview, passare a vista satellite

commenti

Ci sono 6 commenti di cui 4 con valutazione ed un valore medio di 4,2 su 5:

Pepe, mercoledì 6 febbraio 2008 ha scritto:
Sono dieci anni che frequento il ristorante di Gianni, Giacomo e consorte. Deci anni di momenti indimenticabili, legari ai piaceri del palato e del buon gusto, serviti dalla semplicità e dal delizioso coinvolgimento dei proprietari. Il menu varia con le stagioni, ma non rimarrete mai delusi. Molto utile prenotare
Da segnalare: L'agnello ripieno di carciofi e il tonno gratinato con il cuore ancora rosato sono sublimi. E il cestino di crema di zabaione mi è rimasto nel cuore » vini: Una buona scelta, selezionata, apprezzabile

valutazione: 5 su 5


giuliana, sabato 6 ottobre 2007 ha scritto:
ti senti subito a tuo agio nella raffinata semplicità del locale. unico neo: i vini,specialmente quelli di un certo pregio, andrebbero stappati al tavolo, davanti al cliente. Per il resto la cucina è ottima e il servizio discreto ma impeccabile. Molto graditi i "piatti sorpresa" serviti nell'attesa del menù scelto e il predessert
Da segnalare: fantasia di antipasti » vini: bellavista

valutazione: 3 su 5


fabio, venerdì 13 gennaio 2006 ha scritto:
grazie alla recensione, una autentica scoperta di ottima cucina a Milano e dintorni. Da consigliare a tutti.
Da segnalare: gratinato di mare, fantasia di mare, paccheri di Gragnano e fantasia di dessert »

valutazione: 5 su 5


Marco, venerdì 24 ottobre 2003 ha scritto:
Il ristorante si riconferma uno dei migliori di Milano. La colazione di lavoro ha permesso di assaggiare solo un paio di piatti, ma lo standard qualitativo della cucina è sempre eccezionale, il servizio cortese e attento, il locale gradevole e accogliente
Da segnalare: tartara di tonno, moscardini su purea di ceci, paccheri allo scoglio con tempura di verdure » vini: buono il Sauvignon DOC Grave del Friuli proposto dal gestore

valutazione: 4 su 5


Accademia Italiana della Cucina Milano Internazionale, giovedì 27 giugno 2002 ha scritto:
Osanna, osanna, un inno al tonno di Bacco a Arianna! Non chiediamo ancora il diploma di eccellenza perche i tonni cambiano di qualita, anche se il papa di Gianni, da Palermo, li cerca con tutte le sue magie di regia dell'approvvigionamento del pesce siciliano che e dominante nei menu nel periodo estivo. Giacomo, il milanese ormai cucina a occhi chiusi, Adriana dipinge i suoi dessert a occhi aperti, i trenta convitati pensavano... per quanto tempo la bella avventura continuera! I giovani hanno promesso di non volere eccedere nel successo... cioe di essere molto contenti: di questo se n'è occupato con domanda aperta Giorgio Saini, il medico accademico che con le sue cure alla loro salute e al suo piacere di buongustaio li ha scoperti quattro anni fa… Migliorati? sarebbe difficile: 8.3 a servizio e ambiente, di piu al rapporto prezzo prestazione, anche perche i tre sono amici della nostra delegazione, e veramente si moltiplicano nelle attenzioni con noi. Ma anche con i loro clienti che da Milano fanno il salto nella ottima ristorazione! Che raccontare: alcuni accademici avevano criticato il menu coordinato da Nicola Barbera! Su trenta, due poco soddisfatti con sei, due sette, nove otto, nove nove e una lode al prezzo/prestazione e gli altri...non hanno espresso! Il massimo delle lodi? Undici a Cavatelli e al Filetto di tonno, otto alla fantasia di Adriana, cinque alla spadellata e alcuni a servizio, frittelle e misticanza e pomodorini del Vesuvio. Se questo risultato e' criticabile, sara bene che si rifacciano un modello di riferimento! Eccelso, sublime il filetto; adorabile come quattro anni fa la dolce scultura di Adriana; fantastici per varieta di composizione e di sapori i cavatelli.
Da segnalare: frittelle di baccalà al profumo di menta su passata di piselli, spadellata di tonno con fagioli neri e guazzetto di verdure, cavatelli di pasta fresca mantecati al basilico con tonno "vivo", filetto di tonno ai profumi mediterranei con misticanza e pomodorini, fantasia di dolci di Adriana: cartoccino con crema e frutti di bosco, mousse di marzapane con salsa allo zenzero, soufflé di cioccolata » vini: Leone d'Almerita, Tasca d'Almerita, 2001 (Inzolia e Chardonnay); Passito di Pantelleria

valutazione: nr su 5


recensione dal Corriere della Sera, edizione di Milano (Alex Guzzi), domenica 24 febbraio 2002 ha scritto:
"Alle porte di Milano un luogo di grande piacevolezza con cucina di altissimo livello proposta al giusto prezzo. [...] Una saletta moderna, ma intima e un piccolo giardino estivo. Luci giuste, belle stoviglie e servizio cortese e avvolgente. In cucina Gianni Musso e Giacomo Leporati, accoppiata siculo-lombarda di grande talento."
Da segnalare: "Abbiamo iniziato in bellezza con passata di ceci con moscardini, terrina di fegato d'oca (con calice di Sauternes) e insalata di coniglio in porchetta con olive e pinoli. Tra i primi da non perdere i tortelli di zucca con timo e pecorino di fossa e le stupende lasagne con carciofi e ricotta di bufala, mentre nei secondi abbiamo toccato il vertice con il filetto d'agnello dorato con scalogno al timo e carciofi e il filetto di tonno ai profumi mediterranei. Gran finale con dolci emozionanti "creati" sull'istante." » vini: "Una selezione ricca e ragionata con vini da dessert in calice"

valutazione: nr su 5


mostra il modulo per lasciare il tuo commento
clicca e seguici su
oliopepesale su Facebook
libri consigliati:
Flos Olei 2012 Marco Oreggia, Flos Olei 2012
Share |

oliopepesale |  home |  blog