newsletter 25

yyyy-mm
inverno 2005 newsletter
latte crudo e formaggio in casa Il latte crudo sta ricomparendo sulle tavole. Il gusto ricco e cremoso, il profumo di buono e di fresco stanno tornando, legalmente e in assoluta igiene e salute, grazie ad un sistema di distribuzione self service: le fattorie che aderiscono all'iniziativa "il mio latte appena munto" (per leggere tutto l'articolo, clicca qui)

Preparare il formaggio in casa è un'impresa che richiede precisione, ma che darà soddisfazione a chi vorrà dedicarci un po' di tempo. Dovete dotarvi di tre litri di latte crudo, di caglio, un termometro ad alcol e delle fuscelle. Potete acquistare il kit dagli stessi fattori oppure servirvi nei negozi specializzati.

latte crudo latte in pentola di acciaio termometro caglio
3 litri di latte crudo pentola in acciaio termometro ad alcol caglio
Le ricette sono diverse a seconda del tipo di formaggio che si vuole ottenere. Ecco quella della crescenza:
 
Versate il latte nella pentola di acciaio e riscaldatelo sul fuoco fino a che raggiunge la temperatura di 36°C, continuando a mescolare. Controllate la temperatura con il vostro termometro.  Aggiungete 2 ml di caglio (30 gocce) mescolando bene per un minuto circa. Mettete la pentola nel forno riscaldato tra i 30° e i 40° (verificate con il termometro) e lasciate riposare per circa un'ora, per permettere al caglio di coagulare. scaldate il latte a 36°C
A questo punto è il momento di "rompere la cagliata": con un coltello sufficientemente lungo tagliate la cagliata in modo da ottenere dei blocchi di circa sette centimetri di lato. Lasciate riposare per una decina di minuti, poi continuate la rottura, aiutandovi con un piattino, fino ad ottenere dei granuli della dimensione di una nocciola. taglio della cagliata
Lasciate depositare per cinque minuti, poi, servendovi di una schiumarola, trasferite la cagliata nelle fuscelle. Mettete le fuscelle nel lavandino o in un recipiente dove potranno gocciolare spurgando il siero per circa 24 ore, coperte da una pellicola. Nelle prime ore di questo periodo dovrete rivoltare la cagliata nelle forme, dopo la prima ora, dopo altre due ore ed infine dopo altre tre ore. cagliata nelle fuscelle
Trascorse queste ore potete alla salatura, cospargendo il sale sulle forme. Al termine delle 24 ore estraete il formaggio e conservatelo in frigorifero in un piatto coperto o altro recipiente chiuso. Potete mangiarlo dopo 5 giorni. Ovviamente, se messa in fuscelle tonde, la crescenza non viene rettangolare ... buon appetito! formaggelle
 
alimentazione Febbre aviaria - Il 5 dicembre scorso, l'Advisory Committee on Microbiological Safety in Food (ACMSF), un gruppo di esperti indipendenti con funzione consultoria per il governo inglese in tema di microbiologia ed alimentazione, ha aggiornato il proprio parere sul rischio di contrarre la febbre aviaria dall'alimentazione, definendo che tale rischio è "... basso, e che non c'è evidenza diretta perbr supportare questa strada d'infezione. L'evidenza delle infezioni nell'uomo indica che il contatto diretto con uccelli infetti è il principale fattore di rischio e che il consumo di polli infetti non è stato qualificato quale un fattore di rischio; [...] molti fattori contribuiranno a prevenire o limitare l'infezione a seguito dell'ingestione di virus, tra cui mancanza di adeguati recettori, saliva ed acidi gastrici. Una cottura adeguata distruggerà qualsiasi virus presente nella carne o nelle uova".[fonte: just-food]
 
ristoranti Si aggiunge alla piccola schiera dei ristoranti indiani a Milano Sarla, un locale dall'arredo sobrio, servizio celere e buona cucina. A mezzogiorno formule interessanti a prezzi contenuti. In centro, in via Stampa 4, tel. 02.89.09.55.38.

Per uno sfizio messicano, potete cenare da Mexicali, in via Valtellina 33 a Milano, tel. 02.60.83.00.42. Con circa 20€ vi serviranno abbondanti piatti tra cui nachos, tacos, fajitas, ecc. Frozen margarita da paura (non è una figura retorica).

 
libri
Extravergine 2006E' in libreria L’Extravergine - Guida ai Migliori Oli del Mondo di Qualità Accertata, curata da Marco Oreggia, esperto del settore elaiotecnico mondiale, e pubblicata da Cucina & Vini Editrice. Uno strumento indispensabile per quanti, esperti e neofiti, vogliono orientarsi nel mondo dell’olio extravergine di oliva. Guida ai Vini di Puglia e Basilicata Tutte le Doc e le Igt del territorio, oltre
1150 vini segnalati, 500 degustati e 26 eccellenze.
Sono i numeri della Guida ai vini di Puglia e Basilicata (venduta in edicola a 8.90€).
 
risorse web Sorrento Food and Wine propone olio, sughi, sottoli, marmellate, miele,  pasta ed altri prodotti tipici (anche la colatura di alici!), con riguardo per DOP e IGP. Pagamenti anche con PayPal, schede chiare, carrello rapido.

Selezione di vini non solo siciliani, con una scelta di qualche centinaio di etichette, grappe e distillati sono quanto troverete visitando le Enoteche Ingrassia, tanto nel sito web che nel negozio palermitano.

Sito semplice per un prodotto semplice ma speciale: il sale marino artigianale di Trapani, tutelato dal Consorzio Sale Natura. Informazione di prodotto, immagini per sfondo desktop e screensaver e rassegna stampa.

 
eventi

Mercoledì 14 dicembre alle ore 17, nell’Hotel Le Meridien Lingotto Art+Tech, situato in uno dei luoghi  più significativi della Torino del ‘900 (Via Nizza 230), avrà luogo la premiazione della IX edizione di Libri da gustare® Salone del libro enogastronomico e di territorio (per maggiori informazioni clicca qui).

A Milano, il 13 potrete degustare vini friulani, il 14 quelli siciliani, il 15 passeggiare tra i banchetti vegetariani o studiare gli abbinamenti cibo-vino

A Roma, il 14 si degusta il Brunello di Montalcino

per leggere il dettaglio degli eventi clicca qui

 
Milano WED 2006Si è conclusa la 7^ edizione del Week End della Degustazione, manifestazione visitata da ben 5600 tra appassionati e curiosi. Sono stati ben 436 i vini in assaggio. Grande il richiamo creato dalla presentazione dei Nebbiolo dell'Alto Piemonte: Gattinara, Ghemme, ma anche Boca, Bramaterra, Fara ed altre DOC proposte al pubblico da una ventina di aziende sotto l'egida del Consorzio di tutela.

MedeglianiDa quattro generazioni la famiglia Medagliani è il punto di riferimento per i professionisti e gli amanti della cucina e della pasticceria alla ricerca delle più particolari attrezzature. Oggi l'azienda si è fatta in due, la Medagliani Gourmet, in via Razza (zona piazza della Repubblica) per i cultori dilettanti dell’arte culinaria e, sotto lo stimolo del figlio Simone, la Medagliani Hotellerie, che sorge a pochi minuti dalla stazione FS di Lambrate e dalla Tangenziale Est (uscita Rombon o Rubattino) in via Oslavia 17.

newsletter mensile di www.oliopepesale.com inviata dal webmaster Marco Almerigogna. Per cancellarti dalla lista di distribuzione clicca qui

Articolo pubblicato giovedì 1 dicembre 2005 da oliopepesale.
archivio articoli
in questa sezione:
libri consigliati:
Flos Olei 2012 Marco Oreggia, Flos Olei 2012
Share |

oliopepesale |  home |  blog