cucina libanese


 

 

La cucina libanese si caratterizza con piatti propri e interpretazioni specifiche all'interno della cucina mediorientale, di cui oliopepesale vi parlerà al rientro dalle vacanze estive. Intanto alcune nozioni e ricette potranno forse aiutare gli ardimentosi a cimentarsi in alcuni piatti splendidi nella calura estiva.
   
mezzé Il punto focale del pasto libanese è il mezzé (talvolta scritto mazza), l'antipasto, che si articola da quattro / cinque fino a trenta e più pietanze. 
   
  Un mezzé frugale potrà annoverare semi di zucca o anguria grigliati, ceci, pomodori, cetrioli, cuori d'insalata, cipolle verdi, formaggio bianco, olive, pistacchi, ...
   
  Ma un mezzé più ricco presenterà i caratteristici piatti libanesi:  il taboulé e il fattouche (insalate), le kibbéh (polpette crude o cotte), varie creme a base di sesamo, fatayer (fagottini) e samboussek ( "sigari" di pasta "brik") fritti, con formaggio, carne o spinaci, i falafel (polpette di legumi)
   
  Scegliamo tra queste squisitezze due ricette facili da preparare e freschissime per l'estate:
   
taboulé ingredienti per 8 persone:
  150 g di burghoul (grano duro spezzato, normalmente precotto, si trova nei negozi specializzati o nei supermercati di buon livello)
  5 pomodori

 

2 cipolle di media taglia
  8 fogli di insalata romana (quella croccante)
  2 o 3 limoni
  4 mazzetti di prezzemolo (avete capito bene, ce ne vuole un'enormità)
  1 mazzetto di menta
  6 cucchiai di olio
  1 cucchiaio di menta secca
  sale e pepe
   
  versate il burghoul in una scodella di acqua fredda, lavatelo, lasciatelo assorbire un po' (max 20/30 minuti, non deve diventare molliccio), poi passatelo al colino
   
  lavate i pomodori e tagliateli a dadini, lavate ed asciugate prezzemolo e menta e tritateli fini (meglio il coltello o la mezzaluna che il "mulinello"); pelate e tritate le cipolle, spremete i limoni.
   
  in una scodellona da insalata mescolate il burghoul e gli altri ingredienti, unite il succo di limone, l'olio, la menta secca, il pepe; salate solo prima di servire in tavola
   
fattouche ingredienti per 6 persone:
  1 pane arabo grigliato
  4 pomodori
  1 cetriolo
  1 cipolla
  1 mazzetto di prezzemolo
  1 mazzetto di menta
  1 mazzetto di coriandolo (facoltativo)
  4 cucchiai di olio
  il succo di un limone
  12 olive nere
  2 spicchi d'aglio (facoltativo)
  1 cucchiaino di sumak (non facilissimo da trovare, è una spezia in polvere, di colore violaceo, molto usata anche in Turchia; se non la trovate, pazienza)
  1 cucchiaino di menta secca
   
  sbriciolate il pane in un insalatiera
   
  lavate i pomodori ed asciugateli, pelate il cetriolo, fate entrambi a dadini e metteteli nell'insalatiera
   
  lavate i mazzetti di erbe, asciugateli e tritateli non troppo fini; pelate e tritate la cipolla; aggiungete il tutto nell'insalatiera
   
  condite il tutto con il succo di limone, olio e sale. Cospargete di sumak, menta secca e aglio tritato fine; aggiungete le olive e mescolate il tutto. 
   
per i pigri Non avete voglia di preparare niente? Allora andate in un buon ristorante libanese! A Milano oliopepesale vi consiglia Ali Baba e Accademia. I nomi dei piatti potrebbero essere leggermente diversi, le traslitterazioni dall'arabo variano, ma vi capiranno senz'altro.
   
 

visita la sezione monografica di oliopepesale dedicata alla
gastronomia araba

   
Articolo pubblicato domenica 1 luglio 2001 da oliopepesale.
archivio articoli
in questa sezione:
libri consigliati:
Flos Olei 2012 Marco Oreggia, Flos Olei 2012
Share |

oliopepesale |  home |  blog