contro il caro pane

Post creato domenica 28 ottobre 2007 alle 17:43 da Marco:

pane fatto in casaCaro pane? Fate il pane in casa! Se impastare a mano, far lievitare nella madia e cuocere nel forno a legna produce pane magnifico ma a fronte di impegno e risorse impensabili per la maggioranza delle persone, utilizzare l'elettrodomestico specializzato porta via pochissimo tempo e dà soddisfazioni sia di gusto che di tasca.

Il pane fatto in casa è morbido e umido all'interno, croccante e dorato all'esterno e si conserva bene anche per una settimana, non si butta via all'indomani (o al massimo si recupera per le cotolette alla milanese) come spesso succede al pane di panetteria.

Ma quanto costa un kilo di pane fatto a casa?

Ci vogliono:
750g di farina, meglio se fortificata e se volete strafare biologica: da 0.65€ a 1.30€
mezzo cubetto di lievito di birra: 0.06€
2 cucchiai (20cc) di olio: da 0.15€ a 0.20€
acqua del rubinetto e un cucchiaino di sale: diciamo 0.01€?

Il costo degli ingredienti va da 0.87€ (farine semplici, olio ordinario) a 1.66€ (farine speciali, olio di qualità).

Poi c'è la "macchina": costa da 40€ a 100€, a seconda del modello (vedi per esempio su Kelkoo, mentre per offerte interessanti vale la pena sbirciare su eBay). Ma come calcoliamo la quota da attribuire ad ogni pagnotta? I criteri possono essere vari e tutti opinabili, ma se stimiamo una vita economica di tre anni ed un paio di panificazioni alla settimana, ne viene fuori qualcosa come da 0.13€ a 0.30€.

Infine, la corrente elettrica. La macchina assorbe circa mezzo kilowatt, ma solo durante la mezz'ora in cui cuoce. Quando impasta (10 minuti) e quando tiene la temperatura in lievitazione (due ore abbondanti) consuma molto di meno. Quanto costa un kilowatt / ora? Se provate a cercare sui siti di ENEL o AEM tutto trovate tranne questa banale informazione. Meglio cercare sul sito del Movimento Consumatori, dove si scopre che il suo costo medio è di 0.14€. Per la nostra pagnotta ne spenderemo - stiamo abbondanti - 0.10€.

Eccoci alla fine, a seconda delle scelte che avrete fatto sulla qualità degli ingredienti e dei macchinari, la vostra pagnotta da 1 kilo vi sarà costata 1.10€ se sarete stati al risparmio, fino a poco più di 2 euro se non vi sarete negati nulla.

E il tempo che ci avrete dedicato? 5 minuti di lavoro per ottenere un pane fragrante!

Per guardare la video-ricetta, clicca qui.

commenti a contro il caro pane

Stefano il 28/10/2007 alle 09:38:

Ottimo Marco, veramente interessante. stefano.buso@oliopepesale.com

Una fornaia il 11/08/2008 alle 08:34:

...ma avete il coraggio di chiamarlo pane??? Definitilo un mattone, un aglomerato di carboidrati, un abordo...nulla a che fare con il pane. Se un fornaio vendesse quella roba lì fallirebbe dopo un gioro.

Marco il 21/09/2008 alle 18:44:

cara fornaia, grazie per aver lasciato il tuo commento, ma credo che come sempre la prova stia nell'assaggio. Non so da dove tu scriva, ma a Milano trovare pane buono è difficilissimo: posso segnalare Princi, in centro, che offre un eccellente pane a lievitazione naturale cotto nel forno a legna. Ma la stragrande maggioranza delle panetterie non sono tali: sono dei punti vendita di pane di modestissima qualità prodotto in grande scala altrove e rivenduto in maniera inefficiente (cioè: il pane costa tanto, ma ciò non vuol dire che il prestinaio diventi ricco). Se hai delle testimonianze che possano far luce sul buon pane di panetteria, ti invito a condividerle con i lettori tutti di oliopepesale

blog di oliopepesale
in questa sezione:
libri consigliati:
Flos Olei 2012 Marco Oreggia, Flos Olei 2012
Share |

Marco Almerigogna Marco è Yahoo! Messenger syndication RSS 2.0 syndication Add to Technorati Favorites

oliopepesale |  home |  blog